Dr. Oetker Stories

Etichetta consapevole: una buona idea anti-spreco.

Una grossa parte dello spreco alimentare si genera a livello domestico e uno dei motivi è proprio la scorretta interpretazione delle etichette. Un'enorme quantità di cibo finisce quindi nella spazzatura anche se ancora commestibile.

Etichetta consapevole: una buona idea anti-spreco.

21.6.2023 Sostenibilità

La sostenibilità ambientale non è solamente un principio, ma un obiettivo concreto raggiungibile cambiando il modo in cui utilizziamo le risorse del pianeta. Per questo siamo attivi già da tempo per dare il nostro contributo alla causa, soprattutto per quanto riguarda la lotta allo spreco alimentare, che rappresenta oggi una delle sfide più importanti da vincere.

Potremmo dire che la “filosofia anti-spreco” è parte del nostro DNA. Diversi dei prodotti per i quali siamo conosciuti sono nati infatti per recuperare gli avanzi e combattere gli sprechi. Il budino, ad esempio, si faceva originariamente per recuperare un avanzo di latte, con un po’ di fecola, di zucchero, e un po’ di cacao. Negli anni, all’interno della nostra filiera produttiva, abbiamo raggiunto un’elevata efficienza e, nonostante questo, ci siamo comunque dati un obiettivo di ulteriore riduzione degli sprechi del 25% entro il 2025.

Dei 30 progetti che abbiamo lanciato per raggiungere gli obiettivi definiti all’interno della nostra Carta della Sostenibilità, sono ben 5 quelli indirizzati alla riduzione degli sprechi. Quando abbiamo lavorato alla Carta della Sostenibilità abbiamo deciso infatti di estendere il nostro campo d’azione anche al di là delle fasi che sono sotto il nostro diretto controllo, quindi a monte e a valle della nostra produzione, attraverso il coinvolgimento di diversi attori: in primis i consumatori.

Risponde a questa nostra priorità la partnership che abbiamo stretto nel 2021 con Too Good To Go, una delle realtà maggiormente impegnate nella promozione di un approccio sano e sostenibile ai consumi alimentari. Sottoscrivendo questa partnership, abbiamo scelto di entrare a far parte di un’alleanza composta da enti, aziende e supermercati che considerano imprescindibile ridurre drasticamente gli sprechi in tutti i livelli della filiera agroalimentare attraverso cinque diverse azioni.

Etichetta Consapevole rappresenta una delle iniziative più importanti promosse da questa collaborazione. L’obiettivo è aiutare i consumatori a capire meglio la sottile, ma fondamentale, differenza tra due diciture che si trovano sui prodotti alimentari: “da consumare entro” (data di scadenza) e “da consumarsi preferibilmente entro” (Termine Minimo di Conservazione o TMC).

Nel primo caso la scadenza indica la data oltre la quale consumare il prodotto può costituire un rischio per la nostra salute, mentre nel secondo indica la stima del produttore sul periodo di migliore qualità del prodotto e il cui consumo non rappresenta un rischio perché riguarda la possibile scomparsa di alcune proprietà organolettiche come gusto, fragranza e aspetto. Questa confusione apparentemente innocua ha però un enorme impatto sul nostro pianeta: gli studi mostrano come in Europa il 10% degli sprechi alimentari sia attribuibile proprio alla scorretta interpretazione delle etichette. E in Italia, il 63% dei consumatori afferma di non avere le idee chiare rispetto alla diversa interpretazione da dare a queste due diciture.

Ma come prende vita concretamente questo progetto? E, soprattutto, in che modo può diventare un valido alleato nella vita di tutti giorni? A questo proposito, sono stati già immessi nel mercato dieci milioni di prodotti con l’etichetta “Spesso Buono Oltre”, che invita i consumatori a osservare, annusare e assaggiare il prodotto che ha superato il TMC, evitando così lo spreco di alimenti ancora commestibili. E noi non abbiamo voluto essere da meno. La dicitura “Spesso Buono Oltre” sarà applicata su diversi prodotti della gamma Snack Friends come arachidi, pistacchi, anacardi e misto salato, dalle piccole e pratiche monoporzioni fino ai maxi-formati.

Federica Ferrari, Executive Manager Corporate Communication in cameo

Federica Ferrari, Executive Manager Corporate Communication di cameo, sottolinea la soddisfazione per l’azienda di essere parte di questo progetto: «A giugno 2021 abbiamo sottoscritto la partnership con Too Good To Go impegnandoci su più fronti: forniamo ai nostri collaboratori e consumatori idee e consigli pratici su come agire contro lo spreco di cibo nelle proprie case e conferiamo a Too Good To Go una parte dei nostri prodotti prossimi alla scadenza distribuendoli attraverso le Box Dispensa. A due anni dalla sottoscrizione della collaborazione, siamo orgogliosi di allargarne la sfera d’azione e consolidare ulteriormente la partnership che ci lega a Too Good To Go, implementando l’etichetta “Spesso Buono Oltre” sui primi dieci prodotti».

Se desideri saperne di più, scrivici all’indirizzo relazioni.esterne@cameo.it, oppure:

Per ulteriori informazioni si prega di contattare:

Simone Ghisleri

Junior Communication Specialist di cameo

Katharina Ahnepohl

Media Spokesperson Sustainability